> Palazzo Lucarini
// home

Eventi

Repetita_Leonardo D’amico (dal 3 marzo al 29 aprile)

Il 3 Marzo 2018 alle 18.30, aprirà al pubblico la mostra dedicata al lavoro dell’artista Leonardo D’Amico, riferibile al periodo 2010/2017. L’evento organizzato dall’Associazione Centro per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary, con il patrocinio del Comune di Trevi è curato da Maurizio Coccia e Rosanna Rago. Il titolo della mostra REPETITA ben chiarisce l’intenzione dell’artista […]

Press

  • Scroll down for English YOUNG AT HEART | OLD ON THE SKIN A JOURNEY THROUGH THE PERSONAL, THE POLITICAL AND THE POETIC A WORKSHOP WITH FRANKO B Oggetto_Bando Internazionale per residenza e workshop estivi sulla performance. Sede_Trevi (PG), Italy Date_dal 9 al 15 settembre Teacher_Franko B. A cura di_Maurizio Coccia Apparati didattici_Mara Predicatori Descrizione_Il progetto mira a mettere in contatto la radicale esperienza performativa del noto artista internazionale Franko B con l’habitat trevano. Punto d’incontro inedito per sviluppare temi e tecniche personali, il contesto rurale e la sua apparenza bucolica saranno il reagente per un percorso formativo di estremo rigore e solidità metodologica. Residenza • Ospitalità (vitto e alloggio) per 7 giorni; • Numero minimo di adesioni per iniziare il workshop: 10 partecipanti, fino a un massimo di 15. • Accoglienza in edificio rustico con vista panoramica sulla Valle Umbra. Sistemazione in camerata. • Luogo di lavoro: Trevi e i suoi dintorni Candidature_I candidati devono mandare la propria candidatura ai seguenti indirizzi di posta elettronica: frankobartist@yahoo.co.uk; info@palazzolucarini.it Il termine massimo per la presentazione delle domande è fissato per il 24/06/2018. I candidati dovranno mandare un CV, una dichiarazione di poetica relativa al proprio lavoro, un testo motivazionale della lunghezza massima di 150 (centocinquanta) parole, un portfolio di lavori recenti (può essere anche un collegamento al web-site personale o a un portfolio online oppure una selezione di 6-10 immagini e/o video). La selezione avverrà a seguito della verifica dei materiali spediti dai candidati. I candidati devono essere in grado di comunicare agevolmente in inglese. Il costo completo del workshop è di 380,00 € a persona. Esso comprende: l’iscrizione al workshop, i materiali, il vitto e l’alloggio. La partecipazione al workshop costituisce anche l’autorizzazione all’utilizzo, da parte dell’organizzazione, di tutti i materiali – grafici, audio, video e fotografici – prodotti durante il suo svolgimento, per eventuali pubblicazioni, cartacee e/o digitali. ___________________________________________________________________- ENGLISH Subject_nternational call for residence and summer workshops on Performance Art. Location_Trevi (PG), Italy Date_from 9 to 15 of september Teacher_Franko B. Curated by_Maurizio Coccia Coordination of Teaching_Mara Predicatori Description_The project aims to bring together the radical performative experience of the renowned international artist Franko B within the habitat of Trevi. We envisage a new meeting place for developing themes and personal techniques. The rural setting and the bucolic ambience will be the setting for an extremely rigorous training programme based on strong methodological soundness. Residence Hospitality (food and lodging) for 7 days; Minimum number of participants to hold the workshop: 10 young artists or Visual Arts students, architects, curators, up to a maximum of 15. Board in rustic building with panoramic views of the Umbrian Valley. Dormitory accommodation . Workplace: Trevi and surroundings. Nominations_Candidates must send their application to the following e-mail address: frankobartist@yahoo.co.uk; info@palazzolucarini.it The deadline for submission of applications is set for 24/06/2018. The selection will be based on the verification of CV, portfolio and a motivational text no longer than 150 words. Candidates must be able to communicate in English. The full cost of the workshop is to 380.00 € per person. Included are registration fees and material for the workshop, hospitality and meals. Participation in the workshop includes authorisation for full use by the organisation of all  graphics, audio, video and photographic materials produced during the course, for all future publications,(paper and/or digital). Info PALAZZO LUCARINI CONTEMPORARY Via B. P. Riccardi, 11 06039 Trevi, Italy info@palazzolucarini.it info@officinedellumbria.it #
  • Sabato 10 febbraio 2018, alle ore 15,30, presso Palazzo Lucarini, l’Amministrazione Comunale inaugurerà la mostra dei progetti presentati dai professionisti che hanno partecipato al Bando di Concorso di idee per la riqualificazione di piazza Garibaldi. Alla presentazione parteciperanno tutti i professionisti che hanno concorso al Bando. I progettisti delle prime tre proposte classificate illustreranno il loro progetto. I lavori inizieranno con l’introduzione dell’arch. Stefania Bettini Responsabile dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Trevi, seguiranno gli interventi della Presidente dell’Ordine degli Architetti, Maria Luisa Guerrini e del Direttore e curatore del Museo Palazzo Lucarini Contemporary, Maurizio Coccia. Le conclusioni saranno affidate all’architetto Mario Pisani. Tutti i progetti saranno esposti dal 10 al 25 febbraio 2018 presso il centro d'Arte Contemporanea di Palazzo Lucarini dal venerdì alla domenica dalle ore 15,30 alle 18.30 al fine di raccogliere il parere della cittadinanza, per scegliere insieme ai trevani il progetto per la piazza. #
  • A tre anni dalla morte Trevi celebra il noto artista con un’intensa mostra che focalizza alcuni tratti dominanti della sua lunga carriera Il ciclo di mostre dedicate alla pittura di oggi, organizzato dal Centro per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini presso la Pinacoteca di San Francesco a Trevi (PG), si conclude con Afranio Metelli (1924-2011). L’esposizione s’incentra su due temi particolarmente cari al pittore umbro. Da un lato c’è l’interesse per l’arte classica, declinato a partire dagli anni Cinquanta attraverso svariate tecniche, linguaggi ed espressioni formali, e che senza soluzione di continuità ha distinto tutta la sua attività. Dall’altro, l’impegno nel recupero di luoghi, di particolare rilevanza storica, sociale o culturale, segnati dal degrado, attraverso operazioni artistiche che miravano a risvegliare l’attenzione della collettività su realtà destinate altrimenti all’oblio; attività che l’ha visto impegnato – dagli anni Settanta in poi – particolarmente nel recupero del Castello di Pissignano. Attraverso una selezione di materiali documentari (riproduzioni fotografiche, cataloghi, brochure), la mostra ricostruisce i passaggi salienti, e più rappresentativi, del suo interesse in questi specifici ambiti. INFO Titolo: L’âge d’or. Pittura contemporanea alla pinacoteca di Trevi _ Afranio Metelli Oggetto: Pittura contemporanea. Mostra personale A cura di: Maurizio Coccia, Cecilia Metelli Sede: Pinacoteca di San Francesco, Trevi Inaugurazione: domenica 1 novembre, ore 12:00 Date: 01/11/15 – 10/07/16 Ente patrocinatore: Comune di Trevi – Sindaco Bernardino Sperandio Organizzazione e segreteria: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” – Presidente Franco Belli In collaborazione con: Sistema Museo scrl Sponsor tecnico: Fantauzzi Home Design – Trevi (PG) PROFILO DELL’ARTISTA Afranio Metelli nasce a Campello sul Clitunno nel 1924. Nel 1952 si trasferisce a Vallauris attratto dalla fama del centro dove Pablo Picasso risiede e produce le sue opere in ceramica. Nella cittadina francese si inserisce nell’ambiente creatosi attorno all’artista di Malaga e, impiegato nella fabbrica di ceramiche del calabrese Francesco Caleca, partecipa alla Exposition des céramiques à Vallauris. Nel 1954 torna a Roma. Dopo una mostra personale, nel 1957 a Monaco di Baviera, nel 1959-60 espone alla VIII edizione della Quadriennale. Nell’estate del 1960, in qualità di assistente di Angelo Savelli, partecipa all’Art Workshop diretto da Edna Lewis a Positano. Alla fine del 1960 lascia di nuovo l’Italia alla volta di Città del Messico. Qui espone alla galleria Souza ed è incaricato dal Museo Nazionale di Antropologia di riprodurre immagini dell’antica civiltà Maya. Il soggiorno in Messico gli consente di entrare in contatto con giovani artisti emergenti, le cui ricerche nell’ambito della pittura spagnola dei secoli XVII-XVIII convergono con quelle dello stesso artista. Nel 1964, a Los Angeles, entra nel gruppo di pittori gravitanti attorno alla galleria di Margo Leavin. In occasione della mostra alla Orlando Gallery di Encino, la sua pittura è definita “anacronistica”; ancora una volta si evidenzia la passione dell’artista per i classici, che connota anche opere presentate nel 1968 alla galleria Numero, di matrice “pop”. Nel 1971 rientra con la famiglia in Italia, e in Umbria dà corso a una serie di progetti artistici nati dal desiderio di richiamare l’attenzione su alcuni luoghi di particolare rilevanza storico-culturale, in stato d’abbandono. Va inteso in questo senso l’impegno profuso negli anni ’70 e ’80 nella partecipazione, anche come animatore e organizzatore (insieme, per esempio, a Marilena Bonomo, Franca Calzavacca, Mara Coccia, Giorgio De Dominicis, Bill Pepper, Carla Ponti, Italo Tomassoni, Ann Wood, Alberto Zanmatti), a numerose iniziative dove si misura con linguaggi prossimi all’arte povera e concettuale. Negli anni ’80 si susseguono molte mostre personali, a livello nazionale e locale. Mentre nel 1991-92, a Hartford, negli Stati Uniti, una sua opera è presentata alla mostra Open Mind: The LeWitt Collection, di proprietà dell’artista americano Sol LeWitt. Nel 2008 un’ampia ricognizione della sua opera, dal 1947 al 2008, è offerta dalla mostra monografica curata da Giovanni Carandente presso la Galleria Civica d’Arte Moderna di Spoleto. Opere pittoriche, grafiche e fittili compongono, nel giugno 2011, l’ultima personale dell’artista ancora in vita, presso la Galleria Lithos di Campello sul Clitunno. Afranio Metelli muore il 28 giugno del 2011. #
  • In occasione dei lavori di ristrutturazione della scuola di Cannaiola, il Comune di Trevi ha dato mandato al Centro per l'Arte Contemporanea PALAZZO LUCARINI CONTEMPORARY di selezionare un artista per la decorazione dell’esterno. La scelta è ricaduta su Stefano Emili (Foligno, 1980). Artista poliedrico, capace di dialogare con i diversi contesti e sintonizzarsi sulle specificità dei luoghi. In questo caso ha realizzato una pittura di grandi dimensioni sulla quale campeggiano forme sintetiche, in colori primari e complementari, che ricordano vagamente una mucca. Animale da latte, mansueto e operoso, la mucca diviene qui simbolo protettivo e colorata amica d'avventure per i bambini di Trevi. Ma è anche un omaggio che Emili fa, nel centenario della sua nascita, ad Alberto Burri, il grande maestro tifernate da cui ha mutuato parzialmente forme e colori. Per sposare la grande arte alla vita e dare un bucolico benvenuto ai bambini che entrano nel mondo della scuola. INFO Titolo: Bucoliche Artista: Stefano Emili A cura di: Maurizio Coccia e Mara Predicatori Sede: scuola dell'Infanzia di Cannaiola, Trevi (PG) Inaugurazione: Sabato 9 settemebre, ore 18:00 Su commissione: Comune di Trevi – Sindaco Bernardino Sperandio Organizzazione e segreteria: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” Info: Palazzo Lucarini Contemporary, via B. Polacido riccardi 11, Trevi (PG); t. 0742381021 - c. 3386772711 www.palazzolucarini.it; info@officinedellumbria.it [gallery link="file" columns="4"] #
  • V weekend di #CHIAVEUMBRA, il progetto di mostra diffusa in ambienti poco noti e accessibili sul territorio olivato umbro. L'iniziativa nasce come spin-off delle manifestazioni legate a FrantoiAperti e che hanno luogo in 15 comuni umbri per tutto il mese di Novembre a date differenziate. Ne rappresenta il versante di ricerca e sperimentazione e, come dice il titolo, il suo scopo è quello di individuare inedite chiavi di lettura del territorio. La formula prevede l'apertura per soli due giorni per ciascun comune di un luogo solitamente chiuso, ove sarà collocata un'opera d'arte contemporanea di un artista umbro che ne farà in qualche modo da passpartout.  Essendo i luoghi isolati, ci si perderà tra i colli umbri. O se preferite, potete usufruire di un servizio navetta disponibile dal centro del Comune di pertinenza la domenica (per info: tel. +39 334 9140304, http://frantoiaperti.net/it/servizio-navetta-gratuito/ ). A CASTIGLIONE DEL LAGO, in occasione di "Frantoi aperti " e della "Festa dell'olio" del prossimo 29-30 novembre, ad essere aperto eccezionalmente sarà l'ottocentesco frantoio della famiglia Cesarini presso la frazione di Cantagallina. All'interno di casa Cesarini, un antico frantoi dell'800. Una imponente macina, ma anche tutti gli strumenti ed accessori necessari alla produzione dell'olio. Il tempo sembra quasi sospeso nella piccola stanza che lo ospita al piano terra dell'edificio. Qui, infatti, ogni dettaglio è stato mantenuto con amore per la memoria di pratiche ormai desuete. Dalla grande macina che veniva ruotata da un somarello bendato per evitarne il capogiro alle tacche sugli otri per indicare le proprietà dell'olio; dalla licenza al muro al torchio in legno tra gli ultimi presenti in territorio umbro. Il signor Cesarini apre le porte al pubblico per due giorni su un tesoro inatteso e sorprendente che alligna in un paesaggio di grande suggestione e atmosfera. Ad intervenirvi con un'opera appositamente pensata per il luogo e l'occasione, è l'artista Alessio Biagiotti [Perugia 1974_vive a Perugia]. L'operare artistico di Alessio Biagiotti non si può inscrivere in un'univoca definizione. Egli, infatti, utilizzando le più svariate tipologie di intervento (installazione, video, pittura,  ecc...), sa reinterpretare luoghi e temi sempre diversi. In uno stile asciutto e sintetico, vagamente di tipo pop, rilegge in un'ottica inedita e imprevedibile i motivi di partenza servendosi di tutti gli strumenti della "fantasia" di munariana memoria. E' quanto accade a Cantagallina dove l'artista intercetta gli elementi di fondo dell'ambiente: la macina e la fantasmatica presenza dell'asinello bendato che fungeva da reale forza motore nell'operazione di macinazione. Con l'uso di un titolo apparentemente incongruo  e di pochi elementi visivi che sottolineano i tracciati dell'asino, l'artista innesta una riflessione sullo sfruttamento di talune figure a dispetto di altre. Rivendica il valore e ruolo fondamentale dell’equino motore rispetto all’economia del lavoro. Metafora di altre ingiustizie. Di altri fuori fuoco nell'economie dei negoziati anche umani. INFO Titolo: #CHIAVEUMBRA_aperture eccezionali ai luoghi e alla ricerca artistica contemporanea umbra _ Castiglione del Lago /Alessio Biagiotti Genere: mostra diffusa di arte contemporanea in siti solitamente chiusi A cura di: Mara Predicatori Artista: Alessio Biagiotti Luogo: Comune di castiglione del lago, Frazione Cantagallina n. 1, presso casa Cesarini Date e orari: 29-30 novembre (ore 10.00-18.30). Info: +39 3476294839 in "Festa dell’ Olio". Per informazioni tel. +39 075 9652484 / +39 075 9658341 Per info sulle altre tappe di #chiaveumbra http://frantoiaperti.net/it/chiaveumbra-2/ o telefonare al +39 3386772711 per info sulle navette: tel. +39 334 9140304, http://frantoiaperti.net/it/servizio-navetta-gratuito/ #

Benvenuto nel sito di Palazzo Lucarini

copertina-bro.jpgPalazzo Lucarini Contemporary è un Centro per l’Arte Contemporanea nato con l’intento di produrre, promuovere e diffondere l’arte e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni. Il Comune di Trevi concede gli spazi dell’omonimo palazzo all’Associazione Culturale Palazzo Lucarini Contemporary  che, fondata nel Gennaio 2007 a seguito dello scioglimento dell’Associazione Culturale Trevi Flash Art Museum,  svolge un ruolo di osservatorio e promozione del contemporaneo. Alle consuete attività espositive l’associazione aggiunge, grazie al lavoro di personale specializzato ed esperto, una serie di manifestazioni complementari (convegni, attività didattiche e workshop) dedicate sia ad un pubblico di adulti che agli studenti di ogni ordine e grado).