> Palazzo Lucarini
// home

Eventi

FRANKO B DEATH AND ROMANCE IN THE XXI CENTURY / A settembre, presso Palazzo Lucarini tre eventi concomitanti che riportano al centro del dibattito artistico nazionale il grande artista-performer

Il 24 settembre 2016 alle ore 19.00 Palazzo Lucarini Contemporary presenta Death and Romance in the XXI Century, la prima mostra personale di Franko B in uno spazio istituzionale italiano dal 2010, a cura di Maurizio Coccia. Sarà esposta la produzione più recente e appositamente realizzata per l’occasione: grandi sculture metalliche e statuaria (apparentemente) classica; [...]

Press

  • EREMI ARTE – Percorsi tra Arte Natura Spiritualità è un ambizioso e articolato progetto nato all’interno dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila realizzato con il sostegno della Fondazione Carispaq. Fortemente voluto dalla direzione dell’Istituto, è stato sviluppato da un gruppo di docenti, in collaborazione con gli enti locali, i Comuni, i Parchi, le Riserve Naturali e le associazioni del territorio interessato. EREMI Arte, che sarà inaugurato il prossimo 30 luglio e chiuderà il 2 ottobre, ha un’idea fondante: mettere in relazione gli antichi eremi d’Abruzzo con la cultura di oggi. “Quell’eredità – spirituale, storica, identitaria – concretizzata in edifici di prestigio o in semplici grotte – spiega il Direttore ABAQ Marco Brandizzi - è valorizzata dal confronto con le più avanzate espressioni dell’arte contemporanea. Con questo progetto l’Accademia dà il via a un percorso che avrà un suo proseguimento anche oltre le date fissate e pensiamo di portarlo avanti per tutto l’anno di studi, così da mantenere alta l’attenzione e il confronto su alcuni temi legati alla spiritualità e al pensiero filosofico. L’obiettivo del progetto – nella ricorrenza del Giubileo Straordinario della Misericordia e della Perdonanza Celestiniana – è far comprendere l’importanza della conservazione e della valorizzazione degli eremi e come questi ultimi siano, ancora oggi, parte integrante della cultura delle popolazioni locali, nonché patrimonio culturale e spirituale a livello globale”. Oltre venti artisti di varia provenienza sono stati invitati a interpretare il “contesto eremo”. Quindi la natura, gli spazi costruiti, la rete di relazioni, le tradizioni, insomma tutti quegli aspetti che determinano l’unicità di quei luoghi remoti ed evocativi. Non sono opere convenzionali, manufatti prodotti in atelier e poi trasportati in loco. Agli artisti è stato richiesto di calarsi nell’atmosfera degli eremi e realizzare appositamente un’opera ispirata a questa esperienza. Sono, quindi, lavori a carattere temporaneo, ma in alcuni casi anche pensati per rimanere sul posto. Nel pieno rispetto dello spirito dell’iniziativa, ogni opera diventa una sorta di viatico verso una forma di meditazione nata, sì, dalle suggestioni del paesaggio, ma aggiornata alle tensioni del mondo di oggi. Ma non solo. EREMI è anche l’occasione per dimostrare a una platea internazionale il ruolo cardine che l’Accademia aquilana ricopre come piattaforma di produzione, scambio e diffusione di stimoli culturali, perché questo progetto coinvolge tutte le professionalità, le competenze e le capacità dei suoi docenti oltre all’entusiasmo e la voglia di fare dei propri studenti. L’idea è quella di proporsi come un vero “incubatore” di creatività e conoscenza capace di fare rete, educare e coinvolgere studenti, territorio, studiosi e professionisti esterni. Parte essenziale del progetto, infatti, sarà un simposio internazionale dove filosofi, teologi, artisti e intellettuali saranno chiamati a dare il proprio contributo sul tema cardine dell’intero progetto: la rilettura degli eremi abruzzesi nella contemporaneità. Gli atti del simposio saranno poi oggetto di una successiva pubblicazione. “EREMI ARTE – Percorsi tra Arte Natura Spiritualità – conclude il Presidente dell’Accademia di Belle Arti Roberto Marotta - si propone di diventare uno strumento di valorizzazione delle risorse locali – storiche, paesaggistiche, formative – mediante la produzione culturale e non solo lo sfruttamento dei giacimenti turistici esistenti. Dunque, un nuovo modo di fare promozione anche turistica di un territorio dalla bellezza mozzafiato e spesso, ancora oggi, sconosciuto”. dal 30 luglio al 2 ottobre 2016 Enti promotori: Accademia di Belle Arti de L’Aquila Regione AbruzzoParco Nazionale della Majella Fondazione CARISPAQ In collaborazione con i comuni: Caporciano, Caramanico Terme, Roccamorice, Serramonacesca, Pretoro, Rapino, Palombaro, Lama dei Peligni, Palena, Pescocostanzo, Campo di Giove, Sulmona, Raiano, Villa Lago, Morino e Balsorano. Con: Italia Nostra (Associazione Nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale della Nazione). Artisti e luoghi: BALSORANO - Grotta Sant'Angelo.......................................... Pierluigi Calignano CAMPO DI GIOVE - Madonna di Coccia.................................. Emanuela Barbi CAPORCIANO - San Michele di Bominaco............................... Enzo Umbaca CARAMANICO TERME - S. Onofrio all'Orfento......................... Federico Fusi CARAMANICO TERME - S. Giovanni all'Orfento....................... Calixto Ramirez Correa LAMA DEI PELIGNI - Grotta Sant'Angelo................................. Romano Bertuzzi MORINO - Madonna del Cauto................................................. Elena Mazzi PALENA- Madonna dell'Altare................................................. Rossano Polidoro e Marco Marzuoli PALOMBARO - Grotta San'Angelo........................................... Aurelien Mauplot PESCOCOSTANZO - San Michele........................................... Marco Bernardi PRETORO - Madonna della Mazza........................................... Maria Chiara Calvani PRETORO - Grotta dell'Eremita............................................... Maria Chiara Calvani RAIANO - Eremo San Venanzio............................................... Federico Cavallini RAPINO - Grotta del colle........................................................ Chiara Camoni e Luca Bertolo ROCCAMORICE – S. Spirito a Majella …………………………… Aldo Grazzi e William Basinski ROCCAMORICE - S. Bartolomeo in Legio................................ Zaelia Bishop SERRAMONACESCA - S. Liberatore a Maiella (abbazia)........... Alterazioni Video SERRAMONACESCA - S. Onofrio........................................... Elena Bellantoni SULMONA - S. Onofrio al Morrone.......................................... Giuseppe Stampone SULMONA - Sant'Angelo in Vetuli............................................ Franco Menicagli VILLA LAGO - Grotta di San Domenico.................................... Matteo Fato SCHEDA RIASSUNTIVA Artisti: Alterazioni Video, Emanuela Barbi, William Basinski, Elena Bellantoni, Marco Bernardi, Romano Bertuzzi, Zaelia Bishop, Pierluigi Calignano, Chiara Camoni e Luca Bertolo, Federico Cavallini, Maria Chiara Calvani,  Matteo Fato, Federico Fusi, Elena Mazzi, Franco Menicagli, Rossano Polidoro e Marco Marzuoli, Aurelien Mauplot, Calixto Ramirez Correa, Giuseppe Stampone, Enzo Umbaca Titolo: Eremi Arte – Percorsi tra arte natura spiritualità Curatori: Maurizio Coccia, Enzo De Leonibus, Silvano Manganaro Inaugurazione: sabato 30 luglio 2016 ore 18.00 presso Santo Spirito a Maiella (Roccamorice) Date:  30 luglio – 2 ottobre 2016 Ingresso: gratuito (ad esclusione del complesso di S. Spirito a Maiella) Orari: variabili (in base alla disponibilità dei singoli eremi) Sito: www.accademiabellearti.it e sulla Pagina FB Eremi arte Ufficio stampa: Angela Ciano – ufficio stampa@accademiabellearti.laquila.it; cianoa10@gmail.com; +393483402130 Web Communication: Roberta Melasecca; + 39 349.4945612; roberta.melasecca@gmail.com Traduzione a cura della dott.ssa A. Cionni #
  • Il 24 settembre 2016 alle ore 19.00 Palazzo Lucarini Contemporary presenta Death and Romance in the XXI Century, la prima mostra personale di Franko B in uno spazio istituzionale italiano dal 2010, a cura di Maurizio Coccia. Sarà esposta la produzione più recente e appositamente realizzata per l’occasione: grandi sculture metalliche e statuaria (apparentemente) classica; teli ricamati e neon. Vi troveranno spazio tutti i temi cari all’artista: l’amore, il rispetto per la diversità, l’onestà, il disprezzo per le convezioni borghesi, l’insofferenza per l’ipocrisia del clero e della classe politica, antagonismo e pragmatismo, passione e lucidità. Insomma, tutte le contraddizioni dell’arte e del genere umano. La sintesi compatta e potente di un percorso pluridecennale e coerente. All’interno della mostra, poi, Franko B svilupperà un progetto collaterale, Forms and Object: una mostra collettiva, da lui personalmente curata, dedicata ad alcuni artisti di varia provenienza. Eterogenea nei linguaggi e nelle scelte formali, la mostra è più lo specchio del gradimento estetico dell’artista che un progetto curatoriale “a tema”. Un modo insolito di vedere come l’immaginario creativo di un artista – le sue ossessioni, il suo repertorio formale – possa essere diverso dal suo “gusto”. Gli artisti invitati sono: Andrea Abbatangelo, James Bullimore, Marco Cingolani, Sebastiano Dammone Sessa, Giuseppe Lana, Andrea Marcaccio, Marco Paganini, Thomas Qualmann, Annalisa Riva. Death and Romance in the XXI Century è un articolato progetto che ha preso il via il 29 settembre 2016 con il workshop “Death and Romance. A Journey Through the Personal, the Political and the Poetic. A Workshop with Franko B”, un laboratorio internazionale sulla performance che ha messo in contatto la radicale esperienza performativa di Franko B con l’habitat trevano. I partecipanti al workshop - Öykü Aras, Sophie Barnett, Petr Davydchenko, Francesca Fiordelmonte, Matthew Harrison-Lor, Sarah Hiulius, Håkan Stergos Machlis, Silvia Mantellini Faieta, Christina Novakov-Ritchey, Dew Kim, Claudia Palazzo, Colette Patterson, Aarin Purple, Gianluca Quaglia, Emanuela Zedda – dopo una settimana di training estremamente duro, di grande concentrazione ed energia fisica ed emotiva, hanno presentato i risultati il 3 settembre 2016 davanti ad un pubblico gremito ed affascinato. Death and Romance in the XXI Century sarà oggetto di un catalogo in inglese/italiano. Il progetto si avvale del patrocinio del Comune di Trevi e del sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno. Sponsor tecnico: Azienda Agricola Cantina Ninni - Spoleto, Global servicesrl - Trevi. Un ringraziamento all’Hotel Brunamonti di Bevagna e alle aziende olivicole Guidobaldi e Venturini. Si ringrazia: Riccardo Dogana, Miriam Pascale_Kunsthalle Academy, Virginia Ryan. Franko B è nato a Milano e si è trasferito a Londra nel 1979. Ha studiato belle arti al Camberwell College of Arts nel 1986-87, al Chelsea College of Art nel 1987-90 e alla Byam Shaw School of Art nel 1990-91. Nel 1990 ha iniziato a lavorare in campo artistico utilizzando il video, la fotografia, le performance, la pittura e la scultura mescolando vari media. Ha realizzato delle performance al Tate Modern, all’ICA, alla South London Gallery, a Beaconsfield, a Città del Messico, Milano, Amsterdam, Copenhagen, Madrid e Vienna. Le più recenti performance sono state eseguite dall’artista al London’s Great Eastern Hotel e al Tate Liverpool. I suoi lavori, disegni, installazioni e sculture, sono presenti in molte collezioni pubbliche e private, tra cui la Tate Permanent Collection, il V&A Museum, la collezione permanente della città di Milano. Ha tenuto lecture alla St Martins School of Art, DasArt, New York University and the Courtauld Institute of Art, e al Royal College of Art a Londra. E’ stato oggetto di due monografie Franko B (Black Dog Publishing 1998) e Oh Lover Boy (2001). E’ professore di scultura all’Accademia di Belle Arti di Macerata dal 2009 e Visiting Lecturer al Royal College of Art di Londra. www.franko-b.com Mostra Personale Franko B Death and Romance in the XXI Century A cura di: Maurizio Coccia Coordinamento editoriale: Mara Predicatori Segreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” Trevi (PG) Inaugurazione: 24 settembre 2016 ore 19:00 Fino al 27 novembre 2016 Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Ingresso gratuito. Mostra Collettiva Forms & Object Artisti: Andrea Abbatangelo, James Bullimore, Marco Cingolani, Sebastiano Dammone Sessa, Giuseppe Lana, Andrea Marcaccio, Marco Paganini, Thomas Qualmann, Annalisa Riva A cura di: Franko B Coordinamento generale: Maurizio Coccia Coordinamento editoriale: Mara Predicatori Segreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” Trevi (PG) Inaugurazione: 24 settembre 2016 ore 19:00 Fino al 27 novembre 2016 Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Ingresso gratuito Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary” Via Beato Placido Riccardi, 11 - Trevi (PG) #
  • Venerdì 8 luglio alle 19:00 apre la pubblico Due. Incondivisasede, progetto artistico di Luca Costantini e Danilo Fiorucci. Fortemente voluta da Maurizio Coccia, Direttore di Palazzo Lucarini e co-curatore insieme a Mara Predicatori, la mostra ha avuto una lunga gestazione. E proprio la fase preliminare, discorsiva e dialettica, è alla base dell’idea curatoriale. Si trattava, cioè, di mettere a confronto i due artisti su diversi aspetti. Ambedue maturi e riconoscibili – per poetica e ricerca formale – sono stati chiamati a formulare un’ipotesi estetica collettiva e una mediazione spaziale con le sale di Palazzo Lucarini. Trasformare in occasione artistica un lungo sodalizio biografico. Mettere in discussione i fondamenti della propria creatività. Trovare idonee strategie visive per un luogo tanto connotato. Uscire dalla logica dell’opera da atelier. E, infine, triangolare con i curatori i risultati di tutte queste lunghe e approfondite riflessioni. Ecco, in sintesi, la linea conduttrice della mostra. Creatore di un universo sinuoso di forme organiche, Danilo Fiorucci adatta opere storiche alla situazione ambientale di Palazzo Lucarini oltre a presentare la nuova serie di sculture in polistirolo a geometria variabile. Grintoso e perentorio come consueto, Luca Costantini offre invece un repertorio eclettico di lavori apparentemente diversi fra loro. Un caleidoscopio di oggetti, immagini, suoni, che analizzano il concetto di Umanesimo all’alba del III millennio. A far da collegamento, una rete metallica che anima numerose assonanze. Confine che collega. Tragica metafora della fallita utopia europeista. Recinto che protegge e – al contempo – esclude. E altro ancora. Due. Incondivisasede, di Costantini e Fiorucci, è innanzitutto un’opportuna verifica pubblica per due talenti giunti a una fase cruciale del loro percorso artistico. Ma non solo. È anche la conferma del ruolo assunto dal Centro per l’arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary nel panorama internazionale: piattaforma dinamica di sperimentazione, spazio aperto alla ricerca e svincolato da inibizioni istituzionali e di gusto. INFO Titolo: Due incondivisasede. Luca Costanti e Danilo Fiorucci Genere: arte contemporanea. Progetto artistico collettivo Artisti: Luca Costantini e Danilo Fiorucci A cura di: Maurizio Coccia e Mara Predicatori Inaugurazione: venerdì 8 luglio, ore 19:00 Date: dall’8 luglio al 4 settembre. Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Ingresso gratuito Sede: Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary”, Trevi (PG), Italy. Segreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti) Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio) Con il sostegno di: Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno #
  • Comunicato Stampa OFFICINE DELL’UMBRIA 2016+DARIO PICARIELLO_TO HAPPEN A Palazzo Lucarini Contemporary torna la più longeva esperienza di didattica artistica italiana insieme al nuovo e articolato progetto di Kunstalle Academy Si apre la XIII edizione del progetto di didattica artistica Officine dell’Umbria. Gli artisti ospiti quest’anno saranno Sergio Fronteddu (Nuoro, 1982) e Vincenzo Grosso (Nuoro, 1977), che dal 16 al 20 maggio condurranno il workshop in cui sono coinvolti gli alunni delle scuole elementari Santa Caterina e Borroni di Foligno, per un totale di oltre 150 studenti. I laboratori, e la mostra che dal prodotto di questi nascerà, ruoteranno attorno al tema dell’alimentazione. Il 21 maggio, alle ore 18:30, inaugurerà dunque presso Palazzo Lucarini Contemporary la mostra, generata dal dialogo tra artisti e bambini, tra arte e didattica, che, già nelle edizioni precedenti, oltre a quelli didattici ha offerto straordinari sultati estetici ed espressivi. Parallelamente, prosegue anche la rassegna Kunsthalle Academy, il nuovo progetto di Palazzo Lucarini dedicato ai giovani artisti. Questa volta sarà Dario Picariello a presentare il suo nuovo lavoro. L’artista irpino organizza una performance sulle credenze popolari, più una sorta di quadreria etnografica chiamata Gemäldesammlung. Ma il suo intervento sarà completato da Benedetta Fioravanti e Kane Caddoo, tra poesia e colte rivisitazioni della pittura da cavalletto, oltre alle sperimentazioni vocali e sonore di Marirosa Fedele. Palazzo Lucarini, quindi, si offre ancora una volta come spazio connettivo, catalizzatore di esperienze estetiche, formative, biografiche, in complicità con la capacità evocativa del paesaggio umbro. INFO 1 Titolo: Officine dell’Umbria 2016. Curatori: Maurizio Coccia e Mara Predicatori. Genere: arte contemporanea: sperimentazione didattica. Ideazione e coordinamento: Maurizio CocciaCoordinamento didattico: Mara Predicatori.Operatrici didattiche: Beatrice Bragetta, Martina Fiorucci, Elisa Petrini Sede: Trevi (PG), Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary” Organizzazione e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti) Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio) Inaugurazione: sabato 21 maggio, ore 18:30 Date: dal 21 maggio al 25 giugno 2016. Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Su prenotazione per visite fuori orario. Ingresso gratuito. Con il sostegno di: Regione Umbria, Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno INFO 2 Titolo: To Happen Artisti: Dario Picariello, Kane Caddoo, Benedetta Fioravanti, Marirosa Fedele Attori: Giacinto Licursi, Dario Picariello, Antonello Gianotti, Marco Liguri A cura e coreografia di: Massimo Vitangeli Coordinamento: Maurizio Coccia Executive assistant: Miriam Pascale Diario di viaggio: Gabriela Miteva Media e social connection: Ilaria Benvenuti Fotografia e video: Silvia Mantellini Faieta Truccatrici: Huijun Cai, Silvia Mantellini Faieta, Ilaria Benvenuti, Gabriela Miteva Traduzioni: Alessandra Di Sante Sede: Trevi (PG), Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary” Organizzazione e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti) Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio) Inaugurazione: sabato 21 maggio, ore 18:30 Date: dal 21 maggio al 25 giugno 2016. Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Su prenotazione per visite fuori orario. Ingresso gratuito. Con il sostegno di: Regione Umbria, Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno Si ringraziano Marco Puca per le cornici della Gemäldesammlung e CastelfidardoMusica per l’impianto audio #
  • Doppia inaugurazione a Palazzo Lucarini Contemporary: la prima grande antologica dell’artista romano recentemente scomparso e la nuova incursione nella giovane arte con Kunsthalle Academy Il 19 marzo, dalle 18:30, a Palazzo Lucarini Contemporary si apre con due nuovi eventi. Il primo, FFFFFFFFFFFFFFF – Roberto De Simone, è una mostra a cura Maurizio Coccia e Myriam Laplante. I’m Not Inflatable, invece, è un’intensa performance di Noa Pane già ospitata presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, che a Trevi è presentata in una veste adeguata agli spazi di Palazzo Lucarini. Quella di Roberto De Simone è una ricerca molto lirica, ma che punta a scienza e tecnologia per esplorare i limiti della conoscenza umana, fino a toccare i confini dell’universo. A Palazzo Lucarini, pertanto, tutta la versatilità creativa di De Simone trova giusto risalto. Tecniche e linguaggi eterogenei al servizio di una poetica audace e ironica, a un tempo scientifica e commovente. E poi disegni, pitture esplosive, luci, fenomeni naturali, dispositivi tecnici, video, audio, fotografie, installazioni e altro ancora. Un microcosmo caleidoscopico, a misura di un’immaginazione incorruttibile e attratta sia dalla vitalità degli elementi naturali sia dalla razionalità umana. Il libro I’ll do my best to paint the winds green, presentato in anteprima nella mostra romana, è ristampato per l’occasione e sarà di nuovo disponibile. Conclusa l’esperienza di Galleria Cinica, Palazzo Lucarini continua l’attività di ricerca nell’area della giovane arte con Kunsthalle Academy®, un concept di Massimo Vitangeli, artista e mentor professor all’Accademia di Belle Arti di Urbino. Da alcuni anni, infatti, il suo corso biennale di Visual Art incorpora un progetto espositivo sperimentale, che permette ai giovani di provocare in diretta le dinamiche del sistema artistico, fuori dal rassicurante steccato accademico. Kunsthalle Academy® è quindi un perfezionamento dello spunto iniziale e sarà ospitato a Palazzo Lucarini per tutto il 2016. Si inizia con con la performance I’m Not Inflatable (2015) di Noa Pane. All’interno di una massa informe di contorte camere d’aria, è celata una giovane donna dai tratti orientali. Da questa massa fagocitante escono alcune pompe dall’aspetto tentacolare, di quelle usate normalmente per gonfiare ruote di biciletta. Il pubblico è invitato a partecipare pompando nelle camere d’aria. La performance, allora, diventa un rito ombelicale collettivo. L’atto del gonfiare, così, si bilancia perversamente tra simbiosi e violenza. L’artista, in questo modo, riflette sull’oggettualità del corpo e sulle implicazioni sociali e culturali del suo sfruttamento. INFO 1 Titolo: Roberto De Simone. FFFFFFFFFFFFFFF Genere: arte contemporanea. Mostra personale Autore: Roberto De Simone (1954-2012) A cura di: Maurizio Coccia e Myriam Laplante Coordinamento: Céline Brothier Catalogo in mostra: "I’ll do my best to paint the winds green" edito da Viaindustriae. INFO 2 Titolo: I’m Not Inflatable (2015) Genere: arte contemporanea. Performance Autore: Noa Pane (Roma 1983) A cura di: Massimo Vitangeli Coordinamento: Maurizio Coccia Executive assistant: Dario Picarielllo Organizzazione: Miriam Pascale Attrice: Zoe Zhou Traduzione: Alessandra Di Sante Tempistica: prima esecuzione ore 19:00 - seconda esecuzione ore 20:00 Inaugurazione: sabato 19 marzo, ore 18:30 Date: dal 19 marzo fino all’8 maggio. Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30. Ingresso gratuito Sede: Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary”, Trevi (PG), Italy. Segreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti) Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio) Con il sostegno di: Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno Si ringraziano: Cantine Lunelli – Tenuta Castelbuono, Bevagna (PG) [gallery link="file" columns="4" orderby="ID"] #

Benvenuto nel sito di Palazzo Lucarini

copertina-bro.jpgPalazzo Lucarini Contemporary è un Centro per l’Arte Contemporanea nato con l’intento di produrre, promuovere e diffondere l’arte e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni. Il Comune di Trevi concede gli spazi dell’omonimo palazzo all’Associazione Culturale Palazzo Lucarini Contemporary  che, fondata nel Gennaio 2007 a seguito dello scioglimento dell’Associazione Culturale Trevi Flash Art Museum,  svolge un ruolo di osservatorio e promozione del contemporaneo. Alle consuete attività espositive l’associazione aggiunge, grazie al lavoro di personale specializzato ed esperto, una serie di manifestazioni complementari (convegni, attività didattiche e workshop) dedicate sia ad un pubblico di adulti che agli studenti di ogni ordine e grado).